ITS e IFTS – Iscrizioni Aperte

ifts turing

Ricordiamo a chi fosse interessato che sono aperte le iscrizioni al corso  di specializzazione tecnica nazionale (4° livellodel Quadro Europeo “EQF”) TECNICO SUPERIORE DI RETI E SERVIZI PER LE TELECOMUNICAZIONI Iscrizioni dal 16 luglio al 15 ottobre 2018 per maggiori informazioni guarda la locandina: Locandina IFTS_2018/20199 

e

CORSO DI TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO  SOFTWARE, WEB E MOBILE. Iscrizioni dal 12 giugno 2018 fino al 16 ottobre. Visita il sito: https://www.fitstic.it/public/corso?id=10

Libri di testo a.s 2018/2019

Libri di Testo Istituto Tecnico Pascal

 

Libri di Testo istituto Professionale Comandini

Un ponte tra i cuori – Visita di scambio culturale in Portogallo

scambio portogallo

Un gruppo di 17 studenti di classe prima dell’Istituto Pascal si è recato, dal 21 al 25 maggio scorsi, in visita di scambio culturale presso la scuola di Nossa Senhora de Lourdes a Porto, in Portogallo.

L’esperienza, pur breve, è stata vissuta con grande intensità e coinvolgimento dai ragazzi italo-portoghesi e dalle loro famiglie, che sono riusciti a stabilire reciproche relazioni di amicizia. Ancor prima del ritorno in Italia, già forte era la nostalgia.

Si è trattato di un viaggio all’insegna della cura (le famiglie portoghesi si sono infatti prese cura degli ospiti italiani con attenzione e premura),  del dialogo (caratterizzato da ascolto, curiosità, assenza di pregiudizi culturali o sociali), dall’empatia e dalla fiducia, in cui le distanze fisiche e culturali sono state annullate, per creare un ponte tra i cuori.

Ringraziamo le famiglie, che si sono affidate a noi e ci hanno sostenuto in questa significativa visita.

le prof.sse Nadia Capellini e Annalisa Casadei

scambio portogallo

Alcune testimonianze…

Maika mamma di L.

Cesena, sabato 26 maggio 2018

E così ce l’abbiamo fatta!

All’inizio dell’Anno Scolastico non ci credevo… ma L. continuava a ripetermi: “mamma, se ho tutte sufficienze vado in Portogallo per lo scambio culturale della prima superiore”.

Dopo i primi votacci, i 3 e i 4 ho cercato un aiuto per lo studio pomeridiano di L.… forse la voglia di farcela a volte non basta. Forse le nuove materie che incontra qui all’ITI dopo la scuola media abbisognano di un metodo di studio più articolato, differente… io non posso studiare più con mio figlio per aiutarlo. In fondo al pomeriggio fa tante altre attività per migliorarsi, non vedo perché non possa avere delle lezioni suppletive di chimica, di informatica. Così tra alti e bassi e con grandi sacrifici ce l’ha fatta. Prima di decidere, però, ho sentito il parere di tutti i professori: “L. si merita di partire per il Portogallo? E’ in grado di cavarsela con l’inglese e con rispetto verso una famiglia che lo ospiterà?” I professori di 1^ G sono stati spiazzanti: “signora, è educato, si fa volere bene, ascolta e partecipa con le possibilità e i limiti dei suoi 15 anni…”. Accidenti: questi qua ci credono più di quanto non ci creda io nelle possibilità di mio figlio.

Speravo in una voce discordante fuori dal coro; qualcuno che mi dicesse che non era il caso di farlo partire… mio figlio lontano 2.200 chilometri, con un’ora indietro sull’orologio…. Impossibile… non è mai stato a dormire nemmeno a casa degli zii a Udine da solo! Invece questi terribili professori, alcuni così temuti e di grande autorevole carisma mi hanno incoraggiata a lasciarlo andare con le professoresse Casadei e Capellini (e chi sono?!?!) in Portogallo. Poi sono arrivate le medie matematiche dei voti sulla app del telefonino… oddio… ma ha veramente tutte sufficienze… ma non sarà che sono troppo buoni questi professori? No. I voti sono giusti. L. s’è impegnato tanto. Sono io che voglio tenermelo vicino. Che continuo a vederlo cucciolo nonostante il suo metro e novanta di altezza. Sarà ora di crescere anch’io.

Vado a conoscere le professoresse accompagnatrici: simpatiche, preparate, competenti ma soprattutto affidabili. Ecco l’ultimo ostacolo abbattuto: adulti affidabili che ci sono e si spendono oltre le loro ore a scuola, oltre la loro materia e la didattica, in un progetto che abbraccia l’Europa e la nuova generazione di studenti con fiducia ed incoraggiamento. Per sperimentare nuove possibilità ed andare. Per essere curiosi dei luoghi e delle altre culture.

E’ fatta. Dopo le ultime discussioni in casa paghiamo la quota per il viaggio. Durante la riunione con tutti gli altri genitori e studenti che andranno in Portogallo mi commuovo per le slide che snocciolano in senso ordinato la scansione dei tempi del viaggio dalla partenza al ritorno. Una intraprendente mamma raccoglie i nostri numeri di telefono e crea un gruppo wapp tra perfetti sconosciuti genitori accomunati dal viaggio dei figli.

E’ partito. Già dalla prima sera al telefono mi dice con entusiasmo di come tutto sia diverso dall’Italia ed è bellissimo. Abbiamo sentito un grande vuoto in casa, e quando il mercoledì mentre era a cena con la famiglia di Ester in un ristorante davanti all’Oceano, a metà vacanza mio figlio mi ha detto: “mi mancate mamma, non credevo… ma mi mancate tanto…” come una sciocca sentimentale mi sono permessa dei bei lacrimoni grossi così. Il risveglio con le foto quotidiane dei ragazzi e delle professoresse sul gruppo wapp dei genitori italiani e le mail con i genitori portoghesi ospitanti di L. sono così rassicuranti e gioiose! Ma il groppo in gola che mi ha accompagnata nei giorni di Portogallo s’è sciolto quando è sceso dal pullman ed è tornato. Sorridente, felice. Sono le 2 di notte e con grande energia mi racconta delle nuove amicizie, delle automobili e delle strade, delle colline e delle cantine per il famoso Porto e dell’oceano. Oggi lo lascio dormire e vado al lavoro. Torno e penso che sia ancora stordito dal viaggio. -“Mamma…”- ….-”dimmi L.”… -“mi sento strano. Sono scombussolato. Ho una cosa qui dentro al respiro che non so cos’è. E’ come se mi mancasse qualcosa”.- “Sai L., c’è un detto che dice: partire è un po’ morire. Bè, sei partito e hai conosciuto altre persone. Ti sei affezionato e adesso hai un sentimento che si chiama nostalgia. Tienitelo stretto senza intristirti perché tutte le emozioni della vita sono importanti” -“Però fa un po’ male, non sto bene” -“è così: la nostalgia fa un po’ male ma in cambio lascia dei ricordi belli. Pensa se tu non ci fossi andato!” Nuovamente mi commuovo: in 5 giorni ha imparato a cavarsela in una casa sconosciuta, con persone mai viste prima, parlando in inglese ed affezionandosi a loro fino a sentirne nostalgia. Speriamo che anche l’anno prossimo si impegni e abbia tutte sufficienze per partire verso nuove esperienze di viaggio e di Vita.

Grazie a chi ha curato il progetto dello scambio culturale ed ha accompagnato i ragazzi. A settembre accoglieremo con calore i portoghesi che ospiteremo.

Auguro a tutti di vivere esperienze significative come questa.

Con affetto Maika.

 

Dalia e Giuseppe genitori di S. C.

A conclusione della visita di scambio culturale con il Portogallo.

COMPLIMENTI
alle Insegnanti C.e C.,
Docenti che non si limitano a svolgere la propria professione insegnando una disciplina, ma che con PASSIONE contribuiscono al percorso di crescita personale dei Ragazzi (anche se non sono loro alunni) e che con CORAGGIO ANNULLANO LE DISTANZE……

– tra Genitori e Docenti: instaurando un rapporto di vero dialogo, fiducia reciproca e collaborazione,
– tra Docenti e Ragazzi: instaurando un rapporto cordiale basato sull’accoglienza e l’ascolto,
– tra i Ragazzi ed il Mondo: offrendo loro l’opportunità di fare significative esperienze di crescita in autonomia e di confrontarsi con persone e culture diverse.

IMMENSAMENTE GRAZIE
Dalia e Giuseppe

incontro stanza famiglie 27 febbraio

incontro stanza famiglie 27 feb

Martedì 27 febbraio 2018

ore 14,15-15,45

incontro di presentazione del

Centro Interculturale “Movimenti”

con la referente Manuela Carabini

presso la

STANZA DELLE FAMIGLIE”

Istituto Comandini – Via Boscone 200, Cesena

le famiglie degli studenti sono invitate:

sarà l’occasione per conoscerci e

conoscere i servizi offerti dal Centro

  

Aggiornamenti alla circolare n.105/18 – corsi G Suite

Orari e date corsi G Suite presso FabLabRomagna (FLR):

 

G Suite syllabus basic :

(Gmail, Drive, Classroom, Moduli)

martedì 30/1/2018 ore 15.30 – 18.30
mercoledì 07/2/2018 ore 15.30 – 18.30

Docenti: Andrea Vaccari, Edoardo Savini

Per iscrizioni e informazioniedoardo.savini@fablabromagna.org

 

G Suite syllabus advanced​​:

(Calendar, Documenti, Fogli, Presentazioni, Sites,Foto​, Gruppi,Sites​,Scorciatoie da tastiera e operatori di ricerca GMail e Google​,Google URL Shortner​)

martedì 06/03/2018 ore 15.30 – 18.30
martedì 13/03/2018 ore 15.30 – 18.30
venerdì 16/03/2018  ore 15.30 – 18.30

Docenti: Andrea Vaccari, Edoardo Savini

Per iscrizioni e informazioniedoardo.savini@fablabromagna.org

 

La partecipazione ai corsi comporta:

  • per il personale: titolo valido per assolvere all’obbligo formativo del docente
  • per gli studenti: titolo per accedere al credito scolastico in sede di scrutinio

L’iscrizione ai corsi è gratuita, grazie al contributo di Rotary International, il numero dei posti disponibili é limitato, l’accettazione dell’iscrizione è legata al numero dei partecipanti: vi sarà comunicata via email l’accettazione dell’iscrizione.

 

Risultati Giochi di Archimede 2017 ( plesso Comandini)

Risultati Giochi di Archimede 2017 ( plesso Comandini)

ALUNNO

CLASSE

PUNTEGGIO

1

BABINI MATTEO

1A

17

2

DEODATO SIMONE

1A

21

3

EN NAOUNY YOUSEF

1B

20

4

MONTANARI LORENZO

1B

15

5

ALEKSANDROV ALEKSANDER STANEV

1 G

13

6

DODAJ LEANDRO

2B

10

7

LAAROUSSI MOHAMED

2B

13

8

LUCHIAN GABRIEL

2B

17

9

SINGH KULDEEP

2B

17

10

BERTOZZI BRAIAN

2E

19

11

CAPJA BRAIAN

2E

16

12

BIANCHI CARLOTTA*

2M

18

13

NERI GIORGIA*

2M

25

14

PIOLANTI BEATRICE

2M

26

15

BONA ROBERTO ALIN*

3A

36

16

PINCIO MADDALENA

3M

14

17

DEL VENTO LORENZO*

3B

32

18

DEMONTE GIOVANNI

3B

27

19

STRAISTAR VALERIU

3E

10

20

ZAMAGNI MATTIA

3E

19

21

CAMPANELLO ANDREA

3G

17

22

GORI ENRICO

3G

20

23

ZANI LORENZO

3G

20

24

BRANCALEONI ASIA

4A

14

25

MORINA RINOR

4A

13

26

BRUNETTI LORENZO

4G

31

27

CASADEI MARIO*

4G

33

28

FOSCHI MARTINA

4M

27

29

PONTI PATRICK

5B

20

30

FABBRI GIULIA

5M

30

31

FARNETI VALERIA*

5 M

33

*Studenti proposti per la partecipazione alle gare successive

Cesena, 11/12/ 2017

Le referenti

Prof.sse Gioachina Rita Carlino e Lorena Giannini

IPSIA Comandini – le qualifiche triennali

Qualifica triennale di OPERATORE MECCANICO
Il Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo quinquennale Manutenzione e assistenza tecnica possiede le competenze per gestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione e collaudo relativamente a piccoli sistemi, impianti e apparati tecnici.
Al termine dei primi tre anni del percorso quinquennale, l’allievo può accedere ad un esame per il conseguimento di una qualifica regionale nel settore di competenza (Sistema Regionale delle Qualifiche, SRQ). Il superamento dell’esame ne attesta conoscenze ed abilità necessarie per introdursi fin da subito nel mondo del lavoro, il cui accesso è facilitato anche dalle 240 ore di stage aziendale previste tra il secondo e terzo anno di studio .

Descrizione Sintetica
L’Operatore meccanico è in grado di lavorare pezzi meccanici, in conformità con i disegni di riferimento, avvalendosi di macchine utensili tradizionali, a controllo numerico computerizzato, centri di lavoro e sistemi FMS.

Unità di competenze
1. Approntamento macchine utensili

  • riconoscere le macchine utensili (tradizionali, a controllo numerico computerizzato, centri di lavoro, sistemi FMS) da utilizzare per le diverse fasi di lavorazione
  • individuare la strumentazione da applicare alle macchine utensili
  • utilizzare procedure di impostazione dei parametri macchina o del programma a CN per le diverse lavorazioni
  • applicare modalità di controllo degli utensili presettati con i dati di presetting

2. Lavorazione pezzi in area meccanica

  • comprendere i disegni tecnici di pezzi da lavorare
  • applicare le principali tecniche di lavorazione meccanica
  • riconoscere e prevenire i rischi per la sicurezza della propria persona e dell’ambiente di lavoro

3. Controllo conformità pezzi in area meccanica

  • identificare eventuali anomalie e non conformità di materiali grezzi e semilavorati
  • valutare la correttezza e l’efficienza del processo di lavorazione del pezzo meccanico
  • riconoscere ed utilizzare la strumentazione di misura dei pezzi lavorati
  • valutare la conformità dei pezzi lavorati durante e al termine del processo di lavorazione

4. Gestione area di lavoro

  • adottare le previste modalità di mantenimento in efficienza (pulitura, lubrificazione, ecc.) delle macchine utensili
  • riconoscere lo stato di funzionamento delle macchine utensili e proprie attrezzature
  • identificare il livello di usura e idoneità residua degli utensili valutandone le possibili modalità di ripristino
  • individuare interventi correttivi a fronte di anomalie nell’area di lavoro


Materie di studio e ore settimanali per la qualifica.
Classe
I
II
III
Valutaz.
AREA COMUNE
Italiano
4
4
4
S.O.
Storia
2
2
2
O.
Lingua straniera (inglese)
3
3
2
S.O.
Diritto ed Economia
2
2
O.
Matematica ed informatica
4
4
3
S.O.
Scienza della terra e biologia
2
2
O.
Scienze motorie e sportive
2
2
2
P.
Religione o attività alternative
1
1
1
O.
AREA DI INDIRIZZO
Scienze integrate (fisica)
2 (1)
2 (1)
O.
Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica
3
3
O.P.
Scienze integrate: chimica
2 (1)
2 (1)
S.O.
Tecnologie dell’Informazione e della comunicazione
2
2
O.P.
Laboratori tecnologici ed esercitazioni
3 (3)
3 (3)
3 (3)
P.
Tecnologie meccaniche e applicazioni
5 (2)
S.O.P.
Tecnologie elettrico-elettroniche ed applicazioni
5 (2)
S.O.P.
Tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione
3 (2)
S.O.P.
Totale
32
32
32

Qualifica triennale di OPERATORE IMPIANTI ELETTRICI

Il Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo quinquennale Manutenzione e assistenza tecnica possiede le competenze per gestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione e collaudo relativamente a piccoli sistemi, impianti e apparati tecnici.

Al termine dei primi tre anni del percorso quinquennale, l’allievo può accedere ad un esame per il conseguimento di una qualifica regionale nel settore di competenza (Sistema Regionale delle Qualifiche, SRQ). Il superamento dell’esame ne attesta conoscenze ed abilità necessarie per introdursi fin da subito nel mondo del lavoro, il cui accesso è facilitato anche dalle 240 ore di stage aziendale previste tra il secondo e terzo anno di studio .

Descrizione Sintetica
L’Operatore di impianti elettrici è in grado di installare, manutenere e riparare impianti elettrici civili industriali sulla base di progetti e schemi tecnici di impianto.

Unità di competenze
1. Impostazione piani di installazione impianti elettrici civili ed industriali

  • interpretare il disegno tecnico/schema costruttivo di un impianto elettrico civile od industriale
  • comprendere cataloghi di componentistica elettrica/elettromeccanica per approntare l’elenco dei materiali di lavorazione

2. Installazione impianti elettrici civili ed industriali

  • interpretare dati elettrici e non elettrici funzionali alle lavorazioni
  • applicare tecniche di montaggio e cablaggio di semplici circuiti elettrici: tiro e posa dei cavi e delle apparecchiature
  • adottare procedure per la predisposizione dei sistemi di distribuzione, consumo, segnalazione ed intercomunicazione
  • comprendere le specifiche istruzioni per la predisposizione dei quadri elettrici ed apparecchiature di tipo elettromeccanico su sistemi automatizzati controllati anche da P.L.C.

3. Controllo impianti elettrici civili ed industriali

  • valutare il corretto funzionamento dei dispositivi di protezione e di sicurezza: messa a terra, parafulmine, ecc.

4. Manutenzione impianti elettrici civili ed industriali

  • interpretare informazioni relative a malfunzionamenti per elaborare ipotesi di soluzione
  • adottare semplici tecniche di intervento in base all’avaria riscontrata ed al tipo di impianto
  • individuare ed adottare strumenti per la verifica del corretto funzionamento degli impianti


Materie di studio e ore settimanali per la qualifica.
Classe
I
II
III
Valutaz.
AREA COMUNE
Italiano
4
4
4
S.O.
Storia
2
2
2
O.
Lingua straniera (inglese)
3
3
3
S.O.
Diritto ed Economia
2
2
O.
Matematica
4
4
3
S.O.
Scienza della terra e biologia
2
2
O.
Scienze motorie e sportive
2
2
2
P.
Religione o attività alternative
1
1
1
O.
AREA DI INDIRIZZO
Scienze integrate (fisica)
2 (1)
2 (1)
O.
Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica
3
3
O.P.
Scienze integrate: chimica
2 (1)
2 (1)
S.O.
Tecnologie dell’Informazione e della comunicazione
2
2
O.P.
Laboratori tecnologici ed esercitazioni
3 (3)
3 (3)
4 (4)
P.
Tecnologie meccaniche ed applicazioni
5 (2)
S.O.
Tecnologie elettrico-elettroniche e applicazioni
5 (2)
S.O.P.
Tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione
3 (2)
P.
Totale
32
32
32
(fra parentesi le ora di laboratorio)

Qualifica triennale di OPERATORE DI SISTEMI ELETTRICO-ELETTRONICI
Il Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo quinquennale Manutenzione e assistenza tecnica possiede le competenze per gestire, organizzare ed effettuare interventi di installazione e manutenzione ordinaria, di diagnostica, riparazione e collaudo relativamente a piccoli sistemi, impianti e apparati tecnici.
Al termine dei primi tre anni del percorso quinquennale, l’allievo può accedere ad un esame per il conseguimento di una qualifica regionale nel settore di competenza (Sistema Regionale delle Qualifiche, SRQ). Il superamento dell’esame ne attesta conoscenze ed abilità necessarie per introdursi fin da subito nel mondo del lavoro, il cui accesso è facilitato anche dalle 240 ore di stage aziendale previste tra il secondo e terzo anno di studio .

Descrizione Sintetica
L’Operatore sistemi elettrico-elettronici è in grado di assemblare e installare apparecchiature, singoli dispositivi o impianti elettrici ed elettronici

Unità di competenze
1. Decodifica strutturale schemi d’impianto

  • leggere e interpretare schemi e layout di progetto, distinte basi e documentazione tecnica relativi a impianti automatizzati con parti elettrico elettroniche di comando ed alimentazione di macchine e/o impianti
  • riconoscere caratteristiche di funzionamento dei componenti e degli apparati dei sistemi e valutarne la corretta impiegabilità

2. Composizione sistemi elettrico-elettronici

  • individuare materiali, componentistica elettricoelettronica, anche equivalenti, e strumenti per le operazioni di assemblaggio a bordo macchina
  • comprendere dati/simboli e istruzioni presenti nei manuali tecnici di riferimento

3. Adattamento funzionalità impianti elettrico-elettronici

  • interpretare le specifiche tecniche di funzionalità dei quadri elettrici e del ciclo di lavorazione della macchina
  • utilizzare la strumentazione di controllo per prove di simulazione su quadri elettrici o parti d’impianto

4. Controllo sistema impianto elettrico-elettronico

  • utilizzare le strumentazioni elettriche ed elettroniche ed eventuali simulatori computerizzati per la verifica del sistema impianto
  • adottare semplici tecniche di intervento e/o sostituzione su apparecchiature elettrico – elettroniche, anche equivalenti, in dotazione nell’impianto rispettando e ripristinando gli standard di sicurezza previsti nell’impianto stesso
  • identificare il livello di usura e idoneità residua degli utensili valutandone le possibili modalità di ripristino
  • individuare interventi correttivi a fronte di anomalie nell’area di lavoro


Materie di studio e ore settimanali per la qualifica.
Classe
I
II
III
Valutaz.
AREA COMUNE
Italiano
4
4
4
S.O.
Storia
2
2
2
O.
Lingua straniera (inglese)
3
3
3
S.O.
Diritto ed Economia
2
2
O.
Matematica
4
4
3
S.O.
Scienza della terra e biologia
2
2
O.
Scienze motorie e sportive
2
2
2
P.
Religione o attività alternative
1
1
1
O.
AREA DI INDIRIZZO
Scienze integrate (fisica)
2 (1)
2 (1)
O.
Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica
3
3
O.P.
Scienze integrate: chimica
2 (1)
2 (1)
S.O.
Tecnologie dell’Informazione e della comunicazione
2
2
O.P.
Laboratori tecnologici ed esercitazioni
3 (3)
3 (3)
4 (4)
P.
Tecnologie meccaniche ed applicazioni
5 (2)
S.O.
Tecnologie elettrico-elettroniche e applicazioni
5 (2)
S.O.P.
Tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione
3 (2)
P.
Totale
32
32
32
(fra parentesi le ore di laboratorio)
Qualifica triennale di OPERATORE DELL’ABBIGLIAMENTO
L’operatore/l’operatrice dell’abbigliamento è in grado di operare nella grande, media e piccola impresa, nel contesto artigianale e sartoriale.
È dotato di buone capacità professionali che permettono di inserirsi nell’intera catena di produzione dalla progettazione alla realizzazione del capo d’abbigliamento. Opera con livelli di responsabilità diversificati e funzionali al ruolo lavorativo espletato.

Descrizione Sintetica
L’operatore dell’abbigliamento è in grado di confezionare un capo di abbigliamento ed altri prodotti tessili finiti su macchine ed impianti automatizzati, seguendo un ciclo di lavorazione predefinito.

Unità di competenze
1. Approntamento macchine della confezione

  • riconoscere le macchine della confezione da utilizzare per le diverse fasi di produzione
  • individuare le principali apparecchiature da applicare alle macchine: piedini, aghi

2. Taglio materiali tessili

  • identificare le caratteristiche tecniche dei materiali (altezza, verso, disegni, ripetizioni) e rilevare eventuali difetti dei tessuti
  • verificare la predisposizione dei tessuti per il taglio al fine di rimuovere eventuali tensioni in conformità con le istruzioni di stenditura

3. Assemblaggio prodotti tessili

  • scegliere le parti che compongono un capo di abbigliamento individuandone le componenti
  • applicare le principali tecniche di cucitura ai diversi tipi di materiale tessile

4. Stiro capi e prodotti tessili

  • utilizzare le macchine e le tecniche per la stiratura eliminando i difetti di presentazione: pressatura, plissettatura, a vapore, ecc.
  • riconoscere la diversa reazione delle fibre tessili al calore e al vapore
  • verificare il capo finito eliminando i difetti di presentazione

Dopo gli studi
Dopo gli studi l’Operatore dell’abbigliamento può:

  • inserirsi nel mondo del lavoro, presso laboratori di produzione artigianale ;
  • essere impiegato negli impianti di produzione delle industrie del comparto moda (abbigliamento);
  • essere impiegato presso studi stilistici o osservatori di ricerca tendenze;
  • proseguire gli studi nel percorso biennale di Istruzione Superiore settore Moda (quarto e quinto anno).
Materie di studio e ore settimanali per la qualifica.
Classe
I
II
III
Valutaz.
AREA COMUNE
Italiano
4
4
4
S.O.
Storia
2
2
2
O.
Lingua straniera (inglese)
3
3
3
S.O.
Diritto ed Economia
2
2
O.
Matematica
4
4
3
S.O.
Scienza della terra e biologia
2
2
O.
Scienze motorie e sportive
2
2
2
P.
Religione o attività alternative
1
1
1
O.
AREA DI INDIRIZZO
Scienze integrate (fisica)
2 (1)
2 (1)
O.
Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica
3
3
O.P.
Scienze integrate: chimica
2 (1)
2 (1)
S.O.
Tecnologie dell’Informazione e della comunicazione
2
2
O.P.
Laboratori tecnologici ed esercitazioni
3 (3)
3 (3)
5 (5)
P.
Tecnologie applicate ai materiali e ai processi produttivi
6 (3)
S.O.P.
Tecniche di produzione e organizzazione
6 (3)
S.O.P.
Totale
32
32
32
(fra parentesi le ore di laboratorio)